seo sovra ottimizzazione

Quando parliamo di SEO tecnica facciamo convenzionalmente riferimento a quel complesso di tecniche della SEO che consentono l’indicizzazione delle pagine e la loro corretta scansione su motori di ricerca.

Questa attività consente l’ottimizzazione del sito web per aiutare i motori di ricerca a trovare le pagine del tuo sito nella maniera più facile possibile. Obbiettivo della SEO tecnica è sempre quello di migliorare il posizionamento del tuo sito web e migliorare anche la sua posizione sui motori di ricerca.

La SEO tecnica è una parte abbastanza complessa della SEO: cerchiamo però di renderne i concetti nella maniera più semplice possibile per chi si approccia per la prima volta a questi temi.

Ma in che cosa consiste questo tipo di attività? E che cosa sono i concetti correlati di indicizzazione sui motori di ricerca e crawler? Si tratta di aspetti da conoscere, se ci si approccia alla SEO tecnica.

Scansione dei motori di ricerca e indicizzazione con i crawler

Per capire la SEO tecnica bisogna capire come funziona la scansione dei motori di ricerca da parte dei c.d. crawler di Google.

Questi ultimi prelevano il contenuto del web, lo scandagliano, e trovano le nuove pagine ed i contenuti presenti all’interno di quell’enorme database chiamato web.

Esso scansione le url, ma anche i codici di scansione. Ma di cosa parliamo, invece, quando parliamo di indicizzazione? Indicizzare un sito web significa segnalare agli spider di Google che quel sito esiste e si vuole renderlo disponibile per la ricerca da parte degli utenti. Per questo si redige un file robot.txt che comunica appunto che si vuole indicizzare quel sito web. Ma vediamo ora quali sono gli aspetti principali della SEO tecnica.

In che consiste e quali sono le attività principali

Fare SEO tecnica significa prendersi cura degli aspetti di ottimizzazione SEO on ed off page allo scopo di rendere più facilmente rinvenibile il sito web sui motori di ricerca. Essa quindi è relativa alla configurazione tecnica del sito allo scopo di migliorare il posizionamento e di conseguenza, con la costanza e lo studio, potenzialmente di raggiungere le prime pagine di Google, ottenendo più visite e più traffico organico.

Google decide che ranking dare ad ogni sito web: il ranking permette anche di incidere sul posizionamento nella SERP, ovvero se il sito va in prima pagina, seconda pagina e via dicendo.

Perchè un sito web arrivi in alto nei motori di ricerca è necessario che sia di qualità, ben ottimizzato lato SEO, che curi l’esperienza utente. Tutti aspetti che si possono curare anche attraverso la SEO tecnica.

Vediamo alcuni degli aspetti principali di cui si cura la SEO tecnica su un sito web (e che comunque non esauriscono il tema).

Aspetti principali di cui si cura la SEO tecnica

  • Assicurarsi che il sito possa essere scansionabile dai crawler e che sia indicizzabile. Perchè il sito web si possa trovare su Google e perchè possa essere indicizzato, bisogna curarsi di creare i file robotx.txt che indicano ai crawler che il sito va indicizzato, ed usare i mega tag robots.
  • Creare la Sitemap XML. Si tratta di un file in formato Xml che contiene tutti i contenuti del sito web, secondo una struttura gerarchica che schematizza le pagine, post, categorie e via dicendo.
  • Non permettere la presenza di contenuti duplicati, che sono di scarsa qualità per l’utente e che possono impedire ai crawler di indicizzare in maniera corretta il sito.
  • Utilizzare l’HTTPS, o HTTP Secure, come elemento tecnico che garantisce la sicurezza di un certo sito web per gli utenti. Per fare ciò bisogna installare un certificato SSL sul sito.
  • Cercare di lavorare sulla velocità di caricamento delle pagine. La velocità di caricamento delle pagine è un elemento fondamentale dell’esperienza utente: intuitivamente, tutti sappiamo che non ci rechiamo volentieri su un sito web che è troppo lento a caricarsi, e tendiamo ad abbandonarlo. Ecco perché un aspetto importante della SEO tecnica è quello di contenere i tempi di caricamento del sito entro i 2-3 secondi per evitare di subire penalizzazioni da parte di Google, perché non si garantisce una buona esperienza utente.
  • Aggiungere i link interni che rimandano ad altre pagine dello stesso sito web.
  • Garantire una buona esperienza da mobile. Google tiene in considerazione anche come si gestisce l’aspetto mobile del sito ovvero la possibilità di accedere ad un sito da smartphone, tablet e via dicendo. In caso di mancata ottimizzazione mobile, Google penalizza il sito web e inoltre non si garantisce una buona esperienza utente.
  • Gestire al meglio i c.d. link morti, o dead link, che sono quelli che danno il codice error 404 che sono di scarsa qualità e di nessuna utilità per gli utenti del sito web.
  • Non utilizzare il tag nofollow. I tag in questione sono degli errori da non usare per non peggiorare il posizionamento del sito web.