errori-link-buildingLa link building è una strategia, facente parte della SEO off page, essenziale per la costruzione di una rete ed una struttura di link entranti nella propria pagina internet.

Tra le varie tecniche di link building rientra una peculiare strategia, che prende il nome di guest post: è essenziale conoscere taluni elementi che interessano la scelta dei blog a cui presentare articoli guest. In particolar modo, ci sono alcuni errori da cui tenersi alla larga ed in questa guida scopriremo da cosa è giusto stare in guardia, per evitare effetti dannosi per il blog.

La domanda sorge spontanea: cos’è la link building e qual è il suo scopo principale? La link building è un insieme di tattiche atte a creare una rilevante ed accurata quantità di collegamenti in entrata diretti verso il proprio sito web. Questa ha come scopo quello di accrescere il potere di un sito internet in termini di autorevolezza, facendolo scalare tra i primi risultati di ricerca nei motori di ricerca come Google e nel settore di riferimento.

Errori da evitare

Innanzitutto, è essenziale evitare di considerare solamente i link follow e con parola chiave esatta, ma vanno anche considerati i link di tipo nofollow. Se si desidera una link building naturale non si possono avere solamente delle menzioni (ovvero dei link) ma anche buona percentuale di citazioni (cioè no link o link nofollow) ed anche delle menzioni. Soprattutto, tali link necessiterebbero di una percentuale di anchor text “url-brand” superiore rispetto ad anchor text contenenti le parole chiave di interesse.

Altro errore da evitare  è quello di prendere link da qualsiasi sito; vanno infatti ponderati adeguatamente i link scelti, e va prediletta la qualità rispetto alla quantità. Infine, è essenziale creare il giusto contrappeso tra citazioni, menzioni e key-nomedominio-brand per evitare di essere penalizzati dal motore di ricerca.

Valutare correttamente l’autorevolezza di un blog

Per valutare in modo corretto se un blog è o non è sufficientemente autorevole per poter intraprendere con esso una campagna di guest blogging, è importante analizzare alcune questioni.

Anzitutto, in termini SEO: il blog non deve avere penalizzazioni (esistono strumenti gratuiti che permettono di osservare l’andamento di un sito\blog). Il sito deve essere coerente con gli argomenti trattati nel proprio, e non deve avere troppi link in uscita rispetto a quelli d’ingresso. Sempre osservare i commenti e le interazioni degli utenti, per farsi un’idea del seguito che il blog ha e della sua importanza. Infine, se si vuole avere più certezze è possibile scoprire il rapporto tra le citation follow e le trust follow, parametro che deduce l’equilibrio tra quantità e qualità dei profili backlink.

Guest post: errori da evitare

Nella redazione di un articolo per un guest post, è essenziale evitare alcuni errori: mai scrivere con uno stile di testo troppo scostante rispetto a quello del blog che ospita il nostro articolo, ad esempio.

La prima cosa da fare è ogni volta studiare ed analizzare il sito e capire che strategie usa, come si rivolge ai lettori, che linguaggio adotta eccetera.

Sempre controllare ortografia e sintassi, perché si tratta di un vero e proprio biglietto da visita ed è essenziale evitare brutte figure o strafalcioni. Proporre sempre articoli nuovi e non trattati in precedenza dal sito guest, in modo da risaltare rispetto al resto dei contenuti. Infine, è sempre necessario rispettare le regole e le linee guida, se presenti, onde evitare penalizzazioni o addirittura un fallimento della campagna di guest posting.