cognitiveSEO analisi backlinkTutti sanno che cosa sono i backlink: si tratta dei link che, da altre pagine web, indirizzano al proprio sito o alla propria pagina.

I backlink hanno sicuramente un ruolo importante per stabilire l’autorevolezza di un sito che li riceve, ma bisogna anche fare molta attenzione che si tratti di link di qualità.

Di base, Google (ma anche altri motori di ricerca) utilizzano i backlink per stabilire la popolarità e la credibilità di un sito web. Fino a qualche tempo fa era sufficiente averne tanti sparsi per il web perché il proprio sito potesse essere considerato ‘autorevole’ da Google, con tutte le conseguenze del caso. Ma adesso non funziona più così, Google è molto più attento anche alla qualità dei siti che ospitano link a pagine altrui, alla loro autorevolezza, coerenza e via dicendo. Ecco perché è molto importante poter essere sempre nella condizione di analizzare con precisione quali siti rimandino al proprio.

CognitiveSEO (https://cognitiveseo.com/) è sicuramente uno dei migliori tool che permette di effettuare una completa analisi dei backlinks che rimandano al proprio sito.

Lo scopo di CognitiveSEO è quello di permettere ai webmaster e agli esperti SEO di analizzare rapidamente il proprio sito, allo scopo di controllare quali backlink rimandino al proprio sito, e per rimuovere quelli dannosi che possono ripercuotersi negativamente sulla stima che Google ha nei propri confronti.

CognitiveSEO ha anche la funzione di incrementare la propria strategia SEO, quindi può tornare molto utile oltre allo scopo di analizzare i link esterni.

Come si usa? È molto semplice: tutto quello che bisogna fare è inserire l’url del proprio sito, e fino a cinque concorrenti, allo scopo di analizzare a che punto sia la propria campagna di acquisizione dei link.

CognitiveSEO è in grado di utilizzare la storia dell’evoluzione dei link per il proprio sito, quali sono le pagine più linkate, quali sono gli anchor text usati, la posizione dei link, il tipo di siti dai quali vengono i backlink, i link all’interno delle immagini.

In questo modo il tool aiuta a capire quale sia la distribuzione dei link, il loro formato, cioè se si tratti di immagini o testi, il contesto dove si trovano, l’autorità dei domini che li ospitano.

Tutti i dati che CognitiveSEO estrapola possono essere estrapolati come grafici. La dashboard permette di tenere sempre sotto controllo lo stato dei link, soprattutto di quelli acquisiti tramite campagne di link building.

Nel complesso è uno strumento semplice da usare e dotato di una interfaccia molto comoda: inoltre permette di esportare backlink da altri strumenti, e di unirli a quelli che sono stati trovati da CognitiveSEO.

I risultati ottenuti nel complesso permettono di elaborare una corretta strategia dei link building e di eliminare i backlink che possono essere dannosi per il proprio sito web.

CognitiveSEO è disponibile gratis in una trial limitata all’esportazione dei primi 200 link e poi ha un piano a pagamento il cui costo varia a seconda dell’entità di lavoro e funzioni, quindi è altamente personalizzabile.